Stufe a pellet autopulenti a convezione naturale

Home » Stufe » Stufe a pellet autopulenti a convezione naturale

L’innovazione tecnologica che ha accompagnato in questi ultimi anni lo sviluppo del settore pellet si è indirizzata verso l’incrementi di prodotti sempre più salutari e di facile gestione.
Le tre novità tecniche che caratterizzano la nuova gamma di stufe sono le seguenti:
1)Sistema di riscaldamento a convezione naturale
2)Pulizia automatica del braciere
3)Gestione evoluta delle temperature ambiente

SISTEMA DI RISCALDAMENTO A CONVEZIONE NATURALE
L’eterno dilemma tra la scelta della stufa a legna o a pellet è stato risolto prendendo gli aspetti positivi di entrambe le tipologie e immettendoli in un’unica stufa che sfrutti la comodità del pellet e il riscaldamento a convezione naturale della legna.
Questo ci permette di avere una stufa che non propaga il calore tramite il classico ventilatore, ma grazie al moto convettivo naturale dell’aria calda.
I vantaggi sono, oltre alla silenziosità assoluta della stufa, l’eliminazione del movimento di polveri, pollini, batteri ecc. che si aveva con le classiche stufe a pellet ventilate.
Per gli amanti del sistema tradizionale, molti modelli sono stati dotati anche del ventilatore che si può attivare o disattivare all’occorrenza.

PULIZIA AUTOMATICA DEL BRACIERE
Questo meccanismo è reso possibile da un “braciere rotante” che esegue dei cicli automatici di pulizia dello stesso. Quest’invenzione consente di evitare l’utilizzo giornaliero del classico aspiracenere, in quanto l’unica operazione da svolgere è quella di svuotare ogni 5/7 giorni il cassetto di raccolta ceneri.

GESTIONE EVOLUTA DELLE TEMPERATURE AMBIENTE
Tutta la nuova gamma di stufe è dotata di un telecomando touch screen con funzione di termostato ambiente che permette, una volta impostata la temperatura desiderata, di scegliere dove posizionare lo stesso all’interno dell’abitazione. Quando la temperatura impostata sarà raggiunta, saremo noi a decidere se la stufa dovrà andare automaticamente in spegnimento o in modalità “modulazione” e cioè alla potenza minima.

Menu Title